Warning: Use of undefined constant php - assumed 'php' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/fasoligi/public_html/wp-content/themes/fasoli/header.php on line 1
"Alteo" Amarone della Valpolicella DOCG 2013 e nuova annata 2015 a confronto - Vini Fasoli Gino
SHOP
MENU

“Alteo” Amarone della Valpolicella DOCG 2013 e nuova annata 2015 a confronto

Amaroni a confronto

Su iniziativa di Natalino Fasoli, proprietario ed enologo della cantina, si è tenuta una speciale degustazione solo per lo staff Fasoli Gino. In questa occasione sono state messe a confronto due annate dell’ Alteo, il 2013 e il 2015.

Di seguito le parole di Natalino che ha guidato la degustazione :

L’ Alteo 2013 presenta un’ evoluzione molto positiva. Ha preservato perfettamente la parte al naso che aveva già in origine prima della messa in bottiglia. La spezia e l’ aromaticità sono molto presenti, così come la freschezza. La parte speziata è vincente su tutti gli altri profumi. In bocca rispetta la nostra tipologia, entra con un buon corpo, decisamente aromatico, pieno, finisce con tannini molto vivi, salato. Lungo e persistente nel finale. Al palato, e quasi in gola, si percepisce un qualcosa di pepato. Chiaramente l’alcolicità è ben presente. Tuttavia la potenza del corpo è bilanciata dalla spiccata vinosità che lo sa rendere di facile beva.
Se confrontiamo con il 2013 la nuova annata, che viene dal blend ed è stata estratta dalle barriques da 7/8 giorni, sentiremo che ha bisogno di qualche mese in bottiglia per aprirsi. Tuttavia le caratteristiche dell ‘Alteo ci sono tutte.
A noi in questo momento importa il confronto a livello di similitudine, indipendentemente dalla magia del tempo che smussa, apre ed evolve un vino. Il colore è un rosso rubino intenso. In bocca è quasi più potente e un pelo più aggressivo rispetto al 2013. Anche qui i tannini sono molto presenti. Quell’aspetto quasi vellutato che ha il 2013 nel 2015 deve ancora maturare. Si presenta più scontroso. Tuttavia in questa fase la scontrosità è d’obbligo, perchè altrimenti, se già ora fosse al livello di evoluzione del 2013, significherebbe che la sua vita in bottiglia sarebbe in paragone molto ridotta”.

I nostri vini nonostante la potenza, la corposità, l’alcolicità e tutto ciò che caratterizza il tipico vino rosso della Fasoli Gino,  si distinguono per l’eccezionale equilibrio. 

“Ciò è dovuto alla capacità di bilanciare la nostra tendenza al desiderio di estrarre l’essenza del vino ottenendo più colori, più tannini, più arroganza e generando un vino che può durare nel tempo anche a distanza di 20 anni; con la consapevolezza che in definitiva desideriamo creare un vino che sia bello da bere”. 

– Natalino Fasoli –